Al Parco della Musica torna il Roma Gospel Festival

La rassegna dal 21 al 31 dicembre. In apertura l’esibizione del coro The Soul Children of Chicago. Dal 27 al 29 spazio agli Harlem gospel Choir, la più famosa formazione gospel d’America

L’Auditorium Parco della Musica torna a ospitare, da domani, venerdì 21 dicembre, il Roma Gospel Festival. Si tratta, spiegano gli organizzatori, «del più importante festival gospel europeo, nel quale vengono presentati alcuni dei migliori gruppi di spiritual e gospel provenienti dagli Stati Uniti». Una rassegna giunta alla ventitreesima edizione, caratterizzata sempre dal totale coinvolgimento del pubblico, che andrà avanti fino al 31 dicembre.

Il Festival si aprirà con l’esibizione del coro The Soul Children of Chicago, fondato nell’ottobre del 1981 e diretto da Walt W. Whitman Jr, nato come un’alternativa da offrire ai giovani afroamericani a rischio. Per questa formazione, tre serate nella Sala Sinopoli. Fin dalla sua nascita «il coro ha rappresentato l’opportunità per i giovani di imparare a collaborare in un ambiente dove si favorisce il supporto, l’istruzione, il rendimento scolastico e l’autodisciplina», spiegano i responsabili. È uno dei cori giovanili più celebri al mondo. Nel corso degli ultimi 25 anni ha utilizzato la musica come strumento per sensibilizzare oltre mille bambini.

Per tre serate, dal 27 al 29, si esibiranno anche gli Harlem Gospel Choir, il più famoso coro gospel d’America. Dal 1986, Allen Bailey con il suo coro, formato dalle più belle voci di Harlem e New York, gira il mondo condividendo con il pubblico la gioia nella fede e raccogliendo fondi per solidarietà. Il Gospel Choir è legato alle numerose collaborazioni con artisti internazionali come Diana Ross, Bono, The Chieftains, Simple Minds, Live, Sinead O’Connor e i Gorillaz. Ogni domenica si esibisce al B. B. King blues di New York.

20 dicembre 2018