Concerto di Natale in Vaticano, sms solidali per Iraq e Uganda

Il 15 dicembre la 26ª edizione dell’iniziativa. Lo slogan: “Facciamo rete con l’educazione”. I proventi destinati a Scholas Occurrentes e alle Missioni di don Bosco. Tra i partecipanti, il coro “Le dolci note” della parrocchia San Barnaba

C’è anche il coro “Le dolci note” della parrocchia di San Barnaba, diretto da Alessandro Bellomaria, nel cast del 26° Concerto di Natale in Vaticano, in programma il 15 dicembre alle 18.30 in Aula Paolo VI. La corale di voci bianche affiliata alla galassia dello storico “Piccolo Coro dell’Antoniano” di Bologna si esibirà su questo palco unico al mondo accanto ad artisti del calibro di Dee Dee Bridgewater, Anastacia, Raphael Gualazzi, Edoardo Bennato, Alessandra Amoroso, Elisa, Ermal Meta. Prevista anche la partecipazione straordinaria di Miguel Angel Zotto e Daiana Guspero. Con loro l’Orchestra Universale Sinfonica Italiana diretta dal maestro Renato Serio – con la collaborazione del maestro Stefano Zavattoni -; il coro gospel statunitense New Direction Tennessee State Gospel Choir; il complesso vocale dell’Art Voice Academy. Tutti insieme per sostenere le iniziative di solidarietà di Scholas Occurentes e delle Missioni di Don Bosco a favore di due Paesi in difficoltà come l’Iraq e l’Uganda.

CONCERTO DI NATALE IN VATICANO

Con entusiasmo vi annunciamo che il piccolo coro "Le Dolci Note" farà parte del cast che parteciperà al XXVI Concerto di Natale in Vaticano al fianco di artisti internazionali del calibro di Anastacia, Alessandra Amoroso, Elisa, Ermal Meta, Edoardo Bennato,…….e tanti altri. Vi aspettiamo il 15 dicembre 2018 in aula Paolo VI per il concerto oppure potere seguirci su Canale 5 in prima serata il 24 dicembre.#concertodinataleinvaticano2018 #concertodinatale #piccolocoroledolcinote #dolcinote #vaticano

Pubblicato da Piccolo coro "Le Dolci Note" su Martedì 23 ottobre 2018

“Facciamo rete con l’educazione”: questo lo slogan dell’iniziativa, i cui proventi andranno interamente alle due organizzazioni, con l’obiettivo di promuovere in particolare lo sviluppo di due realtà che stanno crescendo ad Erbil, in Iraq, e a Palabek, in Uganda. Scholas Occurentes, in particolare, sta aiutando i bambini iracheni facendo rete tra gli enti educativi e promuovendo lo scambio tra scuole e università italiane. I missionari salesiani invece si stanno dedicando ai 40mila fuggiaschi dalla guerra in Sud Sudan insegnando alcune professioni ai giovani presenti nel campo di Palabek, scappati dal conflitto con le loro madri.

«Una piccola goccia di soluzione per grandi problemi». Il segretario della Congregazione per l’educazione cattolica Angelo Vincenzo Zani spiegato con queste parole l’impegno della Congregazione nel promuovere le iniziative di Scholas Occurentes e delle Missioni di Don Bosco, per finanziare le quali è già attivo un sms solidale al 45530. Il concerto verrà poi mandato in onda in tutto il mondo attraverso la piattaforma di Canale 5 il 24 dicembre, in prima serata.

27 novembre 2018