Dall’Opera romana pellegrinaggi il video ufficiale dei Cammini del Giubileo

Andreatta (Orp): «Immagini e musica per un messaggio di amore, pace e speranza per gli uomini di questo millennio pervaso da violenze e paure»

Andreatta (Orp): «Immagini e musica per un messaggio di amore, pace e speranza per gli uomini di questo millennio pervaso da violenze e paure»

Un video dedicato ai cammini giubilari: è la nuova iniziativa dell’Opera romana pellegrinaggi presentata questa mattina, martedì 24 maggio, negli appartamenti papali del Complesso Lateranense. «Dio parla agli uomini in modi diversi, sta a noi saper cogliere il messaggio che vuole trasmettere», ha affermato monsignor Liberio Andreatta, vicepresidente e amministratore delegato dell’Orp, illustrando la nuova idea di condivisione e di fede raccontata in una clip.

Nel video, che dura circa tre minuti, i protagonisti sono un gruppo di oltre duecento ragazzi che all’alba del primo giorno di maggio, mese dedicato alla Madonna, hanno percorso il Cammino mariano, che unisce idealmente la basilica di Santa Maria Maggiore ai tanti luoghi sacri dedicati a Maria, al centro da secoli della devozione del popolo romano, come Santa Maria dei Monti e Santa Maria in Campitelli. «Con i giovani di don Rosini – ha spiegato Andreatta – abbiamo percorso l’itinerario mariano alle 5 del mattino; poi l’8 maggio, con 400 giovani, abbiamo percorso il cammino della Misericordia da San Giovanni in Laterano a San Pietro».

Il gruppo di pellegrini è stato filmato da una troupe di dodici videomaker con la regia di Alberto Molinari che ha coordinato le riprese, alcune delle quali effettuate dall’alto, come ad esempio da Castel Sant’Angelo, luogo di confluenza anche degli altri cammini giubilari, promossi sempre dall’Opera romana pellegrinaggi, che passano tutti per le tre chiese giubilari scelte dal Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione: San Salvatore in Lauro, Santa Maria in Vallicella (Chiesa Nuova) e San Giovanni Battista dei Fiorentini.

Alla conferenza stampa erano presenti anche  Francis Yeoh l’imprenditore dell’Abiah Records; l’artista britannica Carly Paoli, interprete dell’Ave Maria in musica che accompagna il video; il compositore Romano Musumarra e l’autore Grant Black. «Questa idea è nata un anno fa circa, direi casualmente – ha raccontato ancora Andreatta – quando ho avuto il piacere di ascoltare l’artista Paoli in un contesto musicale alle Terme di Caracalla. E ho pensato: perché nell’Anno della Misericordia non lanciare un grande grido di speranza? E mi sembrava che quella cantante che si esibiva proprio con l’Ave Maria fosse la voce giusta per realizzare nel Giubileo della Misericordia un messaggio di amore, pace e speranza per gli uomini di questo millennio pervaso da violenze, da guerre e da paure».

Una colonna sonora che accompagna tutti e 4 i cammini giubilari: il cammino mariano, il cammino papale, il cammino del pellegrino, il cammino della misericordia. «La musica e le parole rappresentano una combinazione straordinaria per un evento così importante come il Giubileo della Misericordia – ha affermato Carly Paoli – e dare il mio contributo per me rappresenta un’emozione particolare. Spero che questa Ave Maria che ho avuto l’onore di cantare possa trasmettere l’importante messaggio della misericordia legato a questo Anno Giubilare».

24 maggio 2016