“Passione, talento, impegno. Cercando il mio posto nel mondo”. Questo il titolo del Messaggio diffuso dalla presidenza della Cei in vista della 95ª Giornata per l’Università Cattolica del Sacro Cuore, il prossimo 5 maggio. Nel testo, la presidenza Cei richiama l’esortazione di Papa Francesco nell’omelia della Messa di chiusura della Gmg di Panama, a mettere in campo da subito passione, talento e impegno, senza attendere il futuro e senza scoraggiarsi di fronte alle difficoltà. «Ai giovani appartiene il futuro ma solo in quanto sanno essere protagonisti del presente e sanno plasmare nell’oggi, con tenacia e coraggio, la loro personalità – si legge nel testo -. In una società che tende a contrapporre le generazioni più che a farle dialogare» e che soffoca «il loro entusiasmo e la loro generosità, per tanti giovani appare un’impresa quasi impossibile scoprire e vivere la vocazione che portano nel loro cuore».

Sta qui, in questo «soffocare i sogni e rubare la speranza», proseguono i vescovi, «il risvolto più inquietante della miopia con cui l’odierna società guarda ai giovani» ma «se trovano riferimenti positivi e sostegni efficaci, nonostante le innumerevoli difficoltà, non si perdono d’ animo e non si arrendono. Sono capaci di slanci formidabili e sanno spendersi con incredibile generosità». Importante quindi «un autentico e qualificato accompagnamento che sappia garantire una formazione integrale della persona e lo sviluppo di competenze adeguate per affrontare la complessità del tempo presente».

Il Messaggio richiama, ancora,  il documento conclusivo del Sinodo dei Vescovi dedicato ai giovani e la sua «particolare insistenza sul compito decisivo e insostituibile della formazione professionale, della scuola e dell’ università», contesto nel quale si inseriscono le istituzioni educative cattoliche come l’ateneo fondato da padre Gemelli.

12 marzo 2019