La lettera di Francesco ai piccoli dell’Unitalsi

Le parole del Papa ai bambini pellegrini a Lourdes: «Sentitemi accanto spiritualmente a ciascuno di voi, in particolare a voi piccoli ammalati»

Le parole del Papa ai bambini pellegrini a Lourdes: «Sentitemi accanto spiritualmente a ciascuno di voi, in particolare a voi piccoli ammalati»

Damiano, 8 anni, di Roma, gli aveva scritto invitandolo a Lourdes per diventare ambasciatore di pace insieme ai bambini dell’Unitalsi. Francesco ha risposto con una lettera personale, letta ieri, mercoledì 30 settembre, a Lourdes, a margine della  processione eucaristica al santuario francese in occasione del X pellegrinaggio dei Bambini in missione di pace, nell’ambito del pellegrinaggio nazionale dell’associazione. «Caro Damiano, cari bambini in missione di pace a Lourdes – le parole del pontefice -, ho saputo che la vostra missione di pace, quest’anno vi porta al santuario di Lourdes, ai piedi della Madonna, per chiedere la sua protezione. Sono contento di questo vostro viaggio, favorito dall’Unitalsi, e voglio dirvi che vi accompagno con la preghiera: sentitemi accanto spiritualmente a ciascuno di voi, in particolare a voi piccoli ammalati».
Nella sua lettera, il Papa esorta i piccoli: «Dite con fiducia alla Madonna e al suo figlio Gesù le vostre attese, le vostre speranze, le vostre gioie le vostre sofferenze e confidate nell’aiuto del Signore e nel sostegno di Maria». Quindi affida ai bambini la responsabilità della testimonianza. «La vostra – scrive Francesco – sia una missione di preghiera e di testimonianza: fate vedere agli adulti che i bambini sono capaci di pregare, di volere bene a Gesù, l’amico che non tradisce mai, di aiutarsi reciprocamente, di sperare in un futuro migliore». Quindi il riferimento ai «tanti piccoli che tentano i viaggi della speranza»: «Il Papa vi chiede di pregare per loro la Madonna di Lourdes. Rinnovo a ciascuno il mio saluto e il mio incoraggiamento e vi chiedo, per favore, di pregare per me. Vi benedico di cuore».
1° ottobre 2015