Parcheggi e mezzi pubblici, è “Evasione zero”

Partita la campagna per rafforzare la presenza di operatori sulla rete dei trasporti. Previsti presidi anche per la sosta tariffata

Partita la campagna per rafforzare la presenza di operatori sulla rete dei trasporti, con funzione sia di assistenza che di controllo. Presidi anche per la sosta tariffata

300 operatori Atac destinati a presidiare strisce blu, fermate bus, corsie preferenziali, metropolitana, con un piano a rotazione settimanale sui diversi obiettivi. A cominciare dalle strisce, blu e gialle, per proseguire poi con la figura dell’assistente di bordo. È la campagna “Evasione zero”, voluta dall’Atac per rafforzare la presenza di operatori sulla rete dei trasporti di Roma con funzioni sia di assistenza agli utenti sia di controllo e contrasto all’evasione.

Per il presidio della sosta tariffata, i gruppi di operatori Atac sono stati concentrati sulle aree di territorio dove è stata ripristinata completamente la segnaletica. Il centro storico, dunque, ma anche Borgo e Prati, Monti ed Esquilino, Gianicolo e Trastevere. Gli ausiliari Atac sono stati supportati anche da «dirigenti e quadri dell’azienda in possesso delle abilitazioni di polizia amministrativa», chiariscono dall’azienda.

Dal 21 settembre la task force Atac lavora nelle principali stazioni delle metropolitane e delle ferrovie concesse, per aiutare i viaggiatori al rispetto delle regole e per facilitare l’acquisto dei titoli di viaggio. Il presidio è operativo dalle 7 del mattino alle 13.30 e dalle 15 alle 19, con l’obiettivo di coprire circa 40 stazioni al giorno, con un impiego quotidiano di almeno 150 risorse. Da lunedì 28 settembre poi si avvia la fase sperimentale del servizio di assistenza di bordo sulla linea 40, che collega Termini a Borgo Sant’Angelo passando per piazza Venezia. Il progetto prevede il presidio costante della linea con personale Atac, cui è affidato l’incarico di fornire ai passeggeri assistenza multilingue, indicazioni su percorsi, fermate, titoli di viaggio e informazioni sugli itinerari e sulle risorse turistiche. Oltre a verificare il possesso del titolo di viaggio valido e far rispettare la salita e discesa dal mezzo dalle porte dedicate, all’assistente compete anche rilevare il grado di soddisfazione del servizio da parte degli utenti.
Per informazioni: www.atac.roma.i.
25 settembre 2015