Servizio civile: i progetti di Acli Roma

Posti disponibili per 13 ragazzi e ragazze tra i 18 e i 28 anni. Le domande fino alle 14 del 26 gennaio. La presidente Borzì: «Esperienza di impegno sociale»

Sono 6 i progetti di Servizio civile universale presentati dalle Acli di Roma nell’ambito del bando 2021/2022, per i quali verranno selezionati 13 ragazze e ragazzi tra i 18 e i 28 anni. Promozione della cultura della legalità e della cittadinanza attiva, contrasto alla dispersione scolastica, educazione e promozione culturale, sostegno alle donne vittime di violenza, lotta alla dispersione sportiva e al digital divide: questi gli ambiti intorno ai quali si articolano le proposte, sul territorio metropolitano della Capitale.

Nel dettaglio, 4 volontari saranno coinvolti nel progetto “Vivere bene e a lungo”, che ha l’obiettivo di «fornire strumenti che permettano alle persone anziane di vivere in buone condizioni di salute psicologiche e fisiche e di essere persone attive e non facilmente manipolabili da parte di possibili truffatori», spiegano dall’associazione. Altri 4 i volontari che presteranno servizio nel progetto “Andiamo a studiare”, finalizzato a «contenere il numero degli abbandoni e migliorare i rendimenti scolastici dei giovani studenti (italiani e stranieri) frequentanti le scuole secondarie di I° e II° grado, e quindi, mediamente, di età compresa fra gli 11 e i 17 anni». “Una scuola a dimensione famigliare” coinvolgerà invece 2 volontari; l’obiettivo: «Creare all’interno del contesto familiare  situazioni favorevoli e di serenità, idonee a contrastare la povertà educativa e di conseguenza a favorire la partecipazione dei giovani ai percorsi scolastici, garantendo un’opportunità di apprendimento per tutti».

Ancora 1 volontario a testa sarà impiego nei progetti “No alla violenza di genere” – per favorire l’empowerment delle donne vittime di violenza o anche solo a rischio, attraverso azioni di prevenzione, supporto, informazione, sensibilizzazione e orientamento – e “Smart generation”, che punta ad accrescere la conoscenza, la consapevolezza e l’utilizzo delle opportunità che il web e gli strumenti online offrono rispetto all’esigibilità dei diritti e doveri del cittadino, rafforzando la capacità di essere cittadini attivi mediante il mondo del digitale. Da ultimo, sarà selezionato ancora 1 volontario per “Get active”, nell’ambito del quale verranno organizzate attività destinate a giovani tra gli 11 e i 24 anni. Nello specifico, «attraverso l’organizzazione di tornei e attività sportive si intende contrastare l’abbandono sportivo precoce dei ragazzi e i fenomeni di sedentarietà adolescenziale. Verranno, inoltre, organizzati percorsi informativi/formativi su stili di vita sani, corretta alimentazione e valori educativi dello sport».

Nelle parole della presidente delle Acli provinciali di Roma Lidia Borzì, «il Servizio civile è un’esperienza di impegno sociale che rafforza la consapevolezza della responsabilità civica: una vera e propria palestra per l’impegno civico. I giovani che vorranno affrontare questa sfida si troveranno a vivere un anno intenso, che gli permetterà di entrare in contatto e aiutare le fasce più fragili della società, e anche una tappa preziosa della propria crescita personale e professionale, visto che spesso è la prima occasione anche per interfacciarsi con un’organizzazione e mettere da parte le prime esperienze in vista di un impiego futuro. Insomma – conclude -, saranno dodici mesi da vivere tutti d’un fiato nel segno del Bene Comune e noi come Acli di Roma non vediamo l’ora di accogliere i nuovi ragazzi che entreranno a far parte della nostra grande famiglia».

10 gennaio 2022