Settimana Santa, le celebrazioni con Papa Francesco

Dopo la celebrazione delle Palme, giovedì la Messa crismale e quella “in Coena Domini”. Venerdì liturgia della Passione e Via Crucis al Colosseo

Dopo la celebrazione delle Palme, giovedì la Messa crismale e quella “in Coena Domini”. Venerdì liturgia della Passione e Via Crucis al Colosseo

Iniziate con la Domenica delle Palme le celebrazioni presiedute dal Papa per la Settimana Santa, che entrano nel vivo con il triduo che prepara alla veglia nella notte di Pasqua. Giovedì 24 marzo alle 9.30 nella basilica di San Pietro è in programma la Messa crismale con cardinali, patriarchi, arcivescovi, vescovi e sacerdoti, diocesani e religiosi, presenti a Roma. Nel pomeriggio poi la Messa “in Coena Domini” che Francesco presiederà alle 18 al Centro di accoglienza per rifugiati di Castelnuovo di Porto, lavando i piedi a 11 rifugiati e a un’operatrice della cooperativa sociale Auxilium, che gestisce il Cara.

Nel Venerdì Santo è in programma, sempre in San Pietro, la celebrazione della Passione del Signore, dalle 17: il Santo Padre presiederà la liturgia della Parola, l’adorazione della Croce e il rito della Comunione. In serata, alle 21.15, al Colosseo, presiederà la Via Crucis, al termine della quale rivolgerà la sua parola ai fedeli e impartirà la benedizione apostolica. Le meditazioni di quest’anno sono state affidate da Francesco al cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, che ha inserito nelle riflessioni il tema dei nuovi martiri, ma anche il dramma dei migranti e dei rifugiati, le violenze sui bambini e le nuove schiavitù del lavoro. Tutto nell’orizzonte della misericordia.

Sabato 26 si terrà la veglia pasquale, sempre nella basilica vaticana, con inizio alle 20.30: il Papa benedirà il fuoco nuovo nell’atrio della basilica; dopo l’ingresso processionale in San Pietro con il cero pasquale e il canto dell’Exsultet, presiederà la liturgia della Parola, la liturgia battesimale e quella eucaristica, che sarà concelebrata con i cardinali, i vescovi e i presbiteri che lo desiderano. Nella Domenica di Pasqua, alle 10, in piazza San Pietro, celebrerà quindi la Messa del giorno, al termine della quale, dalla loggia centrale della basilica, impartirà la benedizione “Urbi et orbi”.

23 marzo 2016