Un censimento per lo sport

L’Ufficio diocesano per la pastorale del tempo libero riprende il lavoro, con una rilevazione su strutture e attività parrocchiali. Il direttore don Indelicato: «Tavolo» permanente con le realtà associative del settore

L’Ufficio diocesano per la pastorale del tempo libero, del turismo e dello sport riprende dopo diversi anni il suo lavoro. E parte da un censimento delle strutture e delle attività parrocchiali della diocesi di Roma. Ad annunciarlo nei giorni scorsi ai parroci, una lettera del segretario generale del Vicariato, il vescovo ausiliare Gianrico Ruzza. «È indispensabile conoscere il territorio e le persone con cui relazionarsi – spiega don Francesco Indelicato, direttore dell’Ufficio dallo scorso 1°marzo -, per cui l’iniziativa del censimento risulta essere la soluzione più efficace per comprendere quali siano le necessità e le risorse delle parrocchie romane».

Le informazioni richieste dal questionario, pubblicato anche nella sezione “Focus” del nuovo sito dell’Ufficio, spaziano dai servizi per diversamente abili alla situazione dei teatri parrocchiali e dei campi da gioco, nonché alla presenza delle associazioni e delle società in ambito sportivo «dove risulta fondamentale parlare anche di sicurezza e di salute per chi quei campi li usa», sottolinea l’addetto dell’Ufficio, Claudio Tanturri. «A tal riguardo – aggiunge – nel questionario è compresa una sezione dedicata ai defibrillatori (Dae) e al numero degli operatori abilitati al loro utilizzo, secondo le normative vigenti».

Dal punto di vista delle priorità pastorali, don Indelicato punta sulla composizione di un “Tavolo diocesano permanente” con le realtà associative, che sappia dare seguito alle indicazioni del recente documento pontificio sulla visione cristiana dello sport e della persona, intitolato Dare il meglio di se’». Senza dimenticare «la volontà di fare fronte comune con le parrocchie per reperire i fondi necessari alla costruzione o all’adeguamento delle strutture e alla promozione di attività culturali e ludico-sportive. A tal fine ci proponiamo di unire le forze con quanti già si occupano di queste esigenze in diocesi».

Per quanto riguarda il turismo, «siamo orientati – anticipa don Francesco – all’appuntamento del Giubileo del 2025, al quale fin da ora dobbiamo prepararci: per esempio pensando all’accoglienza dei pellegrini e all’accessibilità delle chiese del Centro per le persone diversamente abili». Infine, tra le attività previste per quest’anno pastorale, ci saranno la Giornata diocesana dello Sport, il 25 aprile 2019, e la prima edizione della rassegna di musica cristiana “Sounds Spirit Festival”, il 27 aprile sulla Terrazza del Pincio. Entrambi gli eventi si terranno all’interno del “Villaggio per la Terra” a Villa Borghese. Ancora in tema di musica, il 21 settembre 2019 la parrocchia San Gaspare del Bufalo ospiterà il Festival per i cori parrocchiali, “Cantate inni con arte”, organizzato insieme a Radiopiù.

Ancora, conclude don Francesco, «è attualmente in essere il contest fotografico, “Scatta in parrocchia”, alla scoperta della bellezza della vita delle nostre chiese e, da gennaio a maggio 2019, si terrà il corso storico-teologico sul vino e la vigna nella Bibbia, che comprenderà anche la degustazione di alcuni vini italiani».

24 settembre 2018