Università: l’Uer seconda in Italia e prima a Roma tra i piccoli atenei non statali

La classifica Censis relativa al 2021-2022: l’ateneo romano quarto in Italia tra quelli non statali, in termini assoluti, dietro a Università di Bolzano, Bocconi e Luiss

L’Università europea di Roma (Uer) è al secondo posto in tutta Italia tra i piccoli atenei  non statali, dopo l’Università di Bolzano, e quarta assoluta tra tutte le università non statali di ogni dimensione. La “Classifica Censis delle università italiane 2021/2022″ conferma il trend di crescita costante dell’Uer, che si conferma prima università a Roma nella categoria. Confrontando i punteggi assoluti, il 91,2 posiziona Uer come quarta università non statale in Italia indipendentemente dalla dimensione, dietro a Università di Bolzano, Bocconi e Luiss.

Per il rettore Pedro Barrajòn, «questo traguardo evidenzia il grande lavoro sinergico e l’impegno messo dal corpo docente e dalla struttura tecnico-amministrativa per realizzare un’offerta formativa, servizi allo studente e placement competitivi a tutto tondo». Lo dimostra il successo dell’ultimo Open Day, il 15 luglio scorso, che ha visto centinaia di potenziali nuovi immatricolati in visita nell’ateneo.

Nel dettaglio, l’Università Europea di Roma compie passi avanti, da 99 a 107 punti, per “Comunicazione e servizi digitali” (2° posto assoluto tra gli atenei non statali, dietro a Luiss, e 5° posto assoluto tra tutti gli atenei statali e non statali in Italia). Mantiene inoltre il massimo assoluto conseguibile alla voce “Strutture”: 110 su 110. In merito ai corsi di studi, le principali variazioni avvenute nella classifica di quest’anno riguardano Giurisprudenza, dove il punteggio sale a 85. A Roma, Uer  è posizionata al 3° posto dopo Luiss e Lumsa. La laurea triennale in Economia, 86,5 punti, conferma il 7° posto nazionale mentre a Roma Uer è seconda solo alla Luiss.

22 luglio 2021