Coronavirus, mons. Olivero: non è una parentesi