Il Papa: «Non dimentichiamo i popoli che soffrono il male della guerra»

Al termine dell’udienza generale, il ricordo dei conflitti in Palestina e in Ucraina e la vicinanza e la preghiera per le popolazioni cinesi colpite dal terremoto del 18 dicembre

Nel saluto ai fedeli di lingua italiana, al termine dell’udienza generale di questa mattina, 20 dicembre, Papa Francesco ha esortato a non dimenticare «la gente, i popoli che soffrono il male della guerra. Le guerre – ha ribadito – sempre sono una sconfitta. Non dimentichiamo questo. Una sconfitta. Soltanto guadagnano i fabbricanti di armi. Per favore, pensiamo alla Palestina, a Israele. Pensiamo all’Ucraina», ha aggiunto, citando la presenza in Aula Paolo VI dell’ambasciatore. «L’Ucraina martoriata, che soffre tanto – le parole del pontefice -. E pensiamo ai bambini in guerra, le cose che vedono. Andiamo al presepe e chiediamo a Gesù la pace. Lui è il principe della pace».

Da ultimo, l’appello per «le vittime e i feriti causati dal devastante terremoto che nella giornata di lunedì scorso ha colpito le Province cinesi del Gansu e del Qinghai. Sono vicino con l’affetto e la preghiera alle popolazioni sofferenti – ha aggiunto -, incoraggio i servizi di soccorso e invoco su tutti la benedizione dell’Onnipotente, perché rechi conforto e sollievo nel dolore».

20 dicembre 2023