Nigeria, liberati dai militari 17 degli studenti rapiti

La notizia riferita dal governatore dello Stato di Kastina, dove si è verificato il sequestro da parte del gruppo Boko Haram, Aminu Masari

Tratti in salvo dai militari 17 dei circa 300 studenti rapiti in Nigeria dal gruppo islamista Boko Haram. A diffondere la notizia è il governatore dello Stato di Katsina – dove si è verificato il sequestro – Aminu Masari, che riferisce anche che nell’operazione delle forze di sicurezza due adolescenti hanno perso la vita mentre un poliziotto sarebbe rimasto ferito.

Il maxi-sequestro è avvenuto la settimana scorsa in una scuola maschile di Kankara, nel nord ovest del Paese, nello Stato di Katsina, appunto. Nigeria. A ordinare il blitz dei militari, il 15 dicembre, è stato proprio Masari, secondo il quale la maggior parte degli adolescenti verrebbe tenuta prigioniera nella vicina foresta di Zamfara. Anche il ministro nigeriano della Difesa Bashir Salihi Magashi si è recato sul posto, assicurando alle famiglie dei giovani che i loro figli saranno liberati presto. Sebbene le autorità stimino che gli studenti rapiti siano tra i 320 e i 333, i residenti hanno calcolato che siano invece 500.

17 dicembre 2020