Ucraina: approvato il piano di aiuti Ue

Via libera a un programma da 1,2 miliardi di euro. L’Alto rappresentante Borrell: «Le sanzioni, competenza del Consiglio. Lavoriamo perché il momento non arrivi»

Nella riunione del Consiglio Ue che si è svolta oggi, 21 febbraio, i ministri degli esteri dei Paesi dell’Unione europea hanno ribadito la loro coesione nella volontà di sostenere l’Ucraina, adottando il piano di aiuti da 1,2 miliardi di euro che la Commissione aveva proposto a inizio mese. Un tempo record per l’iter di approvazione perché, si legge in una nota, «le attuali tensioni geopolitiche stanno avendo un effetto negativo sulla stabilità economica e finanziaria dell’Ucraina»: un sostanziale deflusso di capitali e perdita di accesso ai mercati internazionali dei capitali, dovuti proprio all’incertezza geopolitica.

Il piano di assistenza macrofinanziaria avrà una durata di 12 mesi e consisterà in due erogazioni: una prima potrà avvenire a breve previa valutazione di prerequisiti politici secondo il programma del Fmi e la definizione di protocollo d’intesa da concordare tra la Commissione europea e Ucraina, che conterrà «un numero limitato di impegni politici da parte ucraina fattibili a breve termine nei settori prioritari più urgenti». La seconda fetta sarà resa disponibile previa «continua e soddisfacente attuazione» delle regole pattuite.

Prima ancora che si riunissero i ministri, l’Alto rappresentante Ue Josep Borrell ha assicurato: «Continueremo a sostenere l’Ucraina nel momento più difficile, se arriverà». Quindi, riguardo alle sanzioni ha aggiunto: «Siamo pronti, il lavoro è fatto, convocherò un incontro straordinario del Consiglio e presenterò le sanzioni al momento opportuno. Perché le sanzioni sono competenza del Consiglio. Ma stiamo lavorando perché il momento non arrivi», ha concluso.

21 febbraio 2022