Un Parco a Villa Lante per i piccoli malati

Nato dall’associazione Peter Pan per i bambini ospiti della Grande Casa, in via San Francesco di Sales. Il contatto con la natura, «parte della cura»

Nato dall’associazione Peter Pan per i bambini ospiti della Grande Casa, in via San Francesco di Sales. Il contatto con la natura, «parte della cura»

Il gioco all’aria aperta come parte della cura, occasione che aiuta il recupero delle potenzialità psico fisiche. Questa l’idea che anima il “Parco giochi dei Platani” che si inaugura questo pomeriggio, martedì 7 luglio, alle 18 a Villa Lante, polmone verde
su cui affaccia la Seconda Stella di Peter Pan, una delle tre case che formano il polo d’accoglienza per i bambini onco-ematologici e le loro famiglie assisiti dall’associazione Peter Pan, a Trastevere. Il Parco, realizzato grazie al sostegno del pubblico di “Si fa presto Show” di Massimo Maglione al Teatro Golden di Roma, dove in 4 anni sono stati raccolti 32.360 euro, è solo l’ultimo tassello del «mosaico di opportunità che l’associazione Peter Pan desidera offrire ai bambini che ospita, bambini che la malattia priva di tanti elementari diritti dell’infanzia, tra cui, non ultimo, il gioco: formidabile strumento di crescita», dice Marisa Fasanelli, fondatrice e presidente del Comitato etico dell’associazione con vent’anni di attività alle spalle. Una nuova esperienza a contatto con la natura e i suoi ritmi che per i piccoli in etrapia è «parte della cura».

È d’accordo anche Giuseppe Palumbo, medico del dipartimento di Oncoematologia dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù, dove sono seguiti molti dei bambini accolti da Peter Pan. «La cura delle malattie tumorali nei bimbi, grazie alla ricerca scientifica e alla possibilità di utilizzare farmaci e approcci terapeutici nuovi, in particolare nel nostro ospedale, sta risultando sempre più efficace – spiega -. Tuttavia, la strada che porta alla guarigione è non di rado assai lunga e costringe spesso i nostri piccoli pazienti a periodi di isolamento, lontano anche da ambienti naturali. Iniziative come quella del Parco giochi dei Platani e dell’Orto Magico di Peter Pan consentono non solo ai piccoli pazienti di avere un continuo
contatto con la natura, ma anche di osservare come una piccola cura quotidiana permetta la crescita della vita».

L’obiettivo, dunque, è quello di ripristinare i diritti «perduti» dei bambini malati e ricostruire intorno a loro quella normalità che la malattia infrange, evidenzia ancora Fasanelli, proprio «per fornire loro le energie e il coraggio di superarla». E laddove la scienza medica non arrivi, «ci impegniamo perché i loro giorni siano i più colorati possibile». Anche grazie a tutti i donatori che hanno «ascoltato e accolto il messaggio che il nostro “ambasciatore ” Massimo Maglione ha saputo trasmettere con tanta passione». Ora, le parole di Maglione, che dell’associazione è anche socio onorario, «avanti con sempre nuova energia per realizzare altre iniziative a sostegno degli ospiti della Grande Casa di Peter Pan».

L’inaugurazione del Parco è in programma per le ore 18; ingresso da via S. Francesco di Sales 15. Prevista la presenza, insieme a Marisa Fasanelli e Andrea Maia, direttore artistico del Teatro Golden, di diversi ospiti, tra cui Toni Fornari, Benedicta Boccoli, Euridice Axen, Claudia Campagnola, ​Marco Morandi, Sebastiano Somma e Morgana Forcella, Michele​ La Ginestra, Stefano Fresi ed Emanuela Fresi.

7 luglio 2015