Atac, arriva Tap&Go

In metropolitana e sulle ferrovie urbane in funzione il nuovo sistema di pagamento con carte contactless o digitalizzate. Assicurata la tariffa “best fare”

Metropolitane e ferrovie urbane di Roma si preparano a dire addio al biglietto di carta. Da oggi infatti, 18 settembre, entra in funzione Tap&Go, il nuovo sistema di pagamento realizzato da Atac che consente di viaggiare in metropolitana e sulle ferrovie ex-concesse (Roma-Lido, Roma-Viterbo, Termini-Centocelle) utilizzando la carta di credito contactless o digitalizzata su smartphone o smartwatch. Basta avvicinare la carta – o il dispositivo – all’apposito lettore e il tornello si apre. Senza commissioni aggiuntive da pagare, grazie alla collaborazione con il partner Mastercard.

In concreto, spiegano da Atac, è come avere un biglietto sempre in tasca, usufruendo tra l’altro della tariffa “best fare”, vale a dire la migliore, a parità di numero di viaggi giornalieri. Se ad esempio al primo uso il sistema carica il costo di un singolo Bit (1,50 euro per una durata di 100 minuti), e così via per i tre successivi “tap”, al quinto passaggio nell’ambito delle 24 ore viene accreditato un biglietto Roma 24 ore da 7 euro, più conveniente rispetto all’acquisto di 5 – o più – Bit. Ancora, la carta di credito può funzionare come abbonamento mensile, grazie alla funzione “white list”, acquistando online l’abbonamento, con la stessa carta, su ecommerce.atac.roma.it.

Abilitato per ora il 50% dei tornelli della rete metro-ferroviaria. Entro la fine del 2019, assicurano da Atac, tutti i varchi delle stazioni metro A, B, B1 e C e delle ferrovie urbane ed extraurbane gestite dall’azienda avranno i lettori di carte contactless, tutti certificati e in linea con gli standard di sicurezza per questa modalità di pagamento. I controllori potranno verificare la regolarità del titolo di viaggio grazie a un dispositivo palmare, che però non mostra i dati della carta ma solo orario d’inizio del viaggio e la stazione d’accesso. Tap&go può essere utilizzato con tutte le carte contactless dei maggiori circuiti di pagamento, con le prepagate ricaricabili (sempre contactless) e coi servizi bancari delle app dedicate su smartphone e smartwatch.

«Un sistema rivoluzionario, innovativo, semplice e diretto», lo definisce il sindaco Virginia Raggi, certa che «sarà utilissimo a cittadini e turisti»: uno strumento «intuitivo e sicuro che si inserisce in un percorso di semplificazione e innovazione tecnologica che abbiamo avviato da tempo in diversi settori, per rendere la nostra città sempre più smart e competitiva a livello internazionale». Il nuovo sistema infatti, sottolineano da Atac, «consente a Roma di inserirsi all’interno di un pool ristretto di realtà internazionali», proseguendo la «trasformazione digitale di Atac: uno dei sei pilastri del piano industriale e un’importante leva per l’aumento dei ricavi di mercato».

Anche l’assessore alla Città in movimento Linda Meleo parla di una «grande rivoluzione per il trasporto pubblico locale che migliora l’accessibilità alla rete e darà sicuramente risultati importanti anche in termini di vendite dei titoli di viaggio». Non solo: secondo Meleo, grazie a questa innovazione «non solo semplifichiamo l’utilizzo della linea metropolitana e delle ferrovie regionali ma lo incentiviamo, consentendo a tutti di accedere direttamente al tornello con un “tap”». Cambia, nelle parole di Meleo, il paradigma che finora è stato alla base del trasporto pubblico e delle politiche commerciali dell’azienda: «Il modello che aveva al centro del sistema un titolo di viaggio memorizzato su un supporto, prima magnetico adesso elettronico, il biglietto o la tessera, sta evolvendo verso un sistema che ha al centro il cliente».

Per informazioni è possibile consultare la scheda dedicata sul portale Atac.

18 settembre 2019