“Figli di Giuda”, un musical sulla povertà

Il 22 maggio al Brancaccio con la compagnia “I Sognattori” (San Giuda Taddeo), serata a favore della campagna Caritas dedicata ai senza dimora

Mercoledì 22 maggio alle 20.30, al Teatro Brancaccio i giovani del Gruppo Teatrale “I Sognattori” della parrocchia San Giuda Taddeo portano in scena “Figli di Giuda”, un musical originale sui temi della povertà. Una serata di beneficenza nell’ambito della Campagna di sensibilizzazione “Come in cielo, così in strada” promossa dalla Caritas di Roma e incentrata sul tema dei senza dimora nella Capitale. A fare da sfondo a questa divertente commedia musicale – scritta e diretta da Martina Ferrazzano e Raffaele Fracchiolla – è l’immaginaria stazione di Montorso che la notte, quando parte l’ultimo treno, si anima di vita, grazie ad un parroco di strada e all’arrivo di un metronotte con una sfrenata passione per la musica. Protagonisti sono gli “invisibili”, coloro che abitano tra i binari ma che spesso ci rifiutiamo di vedere. Insieme ad “angeli della notte”, volontari e strambi personaggi, sarà evidente che un bel vestito non fa una bella anima e che non sempre la strada che ognuno immagina è quella giusta, o quanto meno quella che rende davvero felici.

«Uno spettacolo che aiuta a riflettere su quello che ci circonda e che spesso trascuriamo», spiega don Benoni Ambarus, direttore della Caritas diocesana. «In strada, così come in stazione, tra sofferenza e anche tanta solidarietà, è possibile incontrare Cristo». Per il direttore, «Gesù è sulla strada che si manifesta, che incontra i poveri, compie i miracoli, che chiama a sé gli apostoli e ambienta molte parabole. La strada è un mondo privilegiato in cui indirizzare la pastorale delle nostre comunità». Un’occasione per pensare, riflettere, ridere e cantare, con musiche e testi inediti eseguiti dal vivo dalla band “I Barbones”.

Il musical è vincitore di sei Broadway World Italy Awards 2018, tra cui Miglior Regia, Miglior Spettacolo con partitura originale, Miglior partitura per musiche e liriche. Il Gruppo Teatrale de’ “I Sognattori”, nato nel 2011 per avvicinare i ragazzi del quartiere Colli Albani ai linguaggi del teatro, è formato da 23 giovani tra i 18 e i 29 anni. Il ricavato della serata sarà devoluto alle attività e ai servizi in strada della Caritas di Roma che, nel corso dell’anno, accoglie oltre 2mila senza dimora nelle comunità alloggio e nelle case famiglia e offre un pasto a 11mila persone nelle 4 mense diocesane. Nell’ambito della campagna “Come in cielo, così in strada”, inoltre, sono stati accolti 80 senza dimora in 17 comunità parrocchiali. I partecipanti sono invitati a versare un’offerta preferibilmente non inferiore a 10 euro.

Per informazioni: www.caritasroma.it; per l’acquisto dei biglietti: tel. 06.8815120.

13 maggio 2019