Nuovi loghi e nuovi programmi per Tv2000 e InBlu2000

Il direttore Morgante: «Svolta digitale per il nostro gruppo». Anche il sito web non sarà più solo la vetrina dei programmi ma anche uno strumento di informazione

Tv2000 e InBlu2000 cambiano logo e avviano un processo per diventare una media company integrata con una forte propensione digitale. È la novità presentata ieri, 19 settembre, a Roma dalle due emittenti della Conferenza episcopale italiana che per l’occasione hanno lanciato il rebranding, il restyling del sito web, al quale si accompagna un rilancio e un maggiore utilizzo dei social. Un nuovo ecosistema digitale che comprende anche il nuovo payoff: “Autentici per vocazione”. È la prima tappa di un percorso che porta al Giubileo di Tv2000 e InBlu2000: a febbraio 2023 saranno 25 anni dalla nascita delle due emittenti Cei. Ne parliamo con il direttore, Vincenzo Morgante. «Non è un’operazione di restyling soltanto ma è soprattutto una svolta per Tv2000 e Inblu Radio che rientrano nell’ecosistema digitale con una scelta consapevole. Potevamo continuare a essere soddisfatti dei risultati raggiunti. Invece abbiamo ritenuto giusto guardare con determinazione al futuro e quindi fare questa scelta sul versante del digitale, dove eravamo indietro. La nostra è un’identità forte che vogliamo mettere a disposizione degli altri per continuare il nostro servizio alla Chiesa e all’Italia. Il senso del nuovo brand, invece, è l’orizzonte, con uno spicchio di luna che guarda a Oriente, che per noi cristiani ha una valenza importante».

tv2000, radio inblu, nuovi loghi, settembre 2022

Quali sono le novità del palinsesto?
La seconda stagione di Canonico, serie tv con Michele La Ginestra; Pani e pesci, programma di “economia del Vangelo” con Luigino Bruni, e Avanti il prossimo, talent di cucina etica nella logica del riciclo e di rifiuto dello spreco, con Tinto e Fede. Abbiamo una grande varietà sul versante dei documentari.

Quali novità riguardano l’informazione?
Vogliamo continuare a raccontare il mondo con speranza, attraverso un’informazione puntuale, rigorosa e mai scandalistica, capace, anche negli appuntamenti del Tg e dei Gr, di leggere le notizie mettendo al centro l’uomo, i suoi bisogni, le sue fatiche, ma anche il suo coraggio e la sua generosità. Lo faremo, forti della libertà garantita dal nostro editore e con l’energia di un cambiamento importante ormai prossimo: la costituzione di un’unica grande squadra giornalistica che vedrà riunite le redazioni del Tg2000 e del Giornale Radio. Accanto alla informazione delle testate giornalistiche, i numerosi approfondimenti dei programmi quotidiani completeranno l’offerta informativa e di servizio. Non ci fermeremo alla notizia – che resta protagonista primaria  dell’informazione – ma dedicheremo ancora più risorse all’approfondimento, aprendo spazi innovativi a reportage e documentari dall’Italia e dal mondo.

Cambia anche la vostra presenza nel mondo digitale.
Tutto lo sforzo creativo e produttivo messo in campo per la realizzazione di programmi vecchi e nuovi chiede un grande impegno sul fronte della comunicazione di supporto. Per questo motivo, abbiamo pensato a un rinnovamento importante del nostro sito web: non sarà più solo la vetrina dei nostri programmi ma anche uno strumento di informazione originaria e di diffusione di nuovi contenuti dedicati. A completamento delle iniziative digitali, c’è anche il rilancio della nostra presenza sui social. Questo permetterà di assicurare un’offerta di informazione e di contenuti maggiormente capillare, integrata, circolare e sempre più aperta all’interazione.

Con l’obiettivo di raggiungere un pubblico nuovo.
Vogliamo continuare a coccolare il pubblico che da sempre ci segue. E guardare a un pubblico ancora più giovane. Pensiamo che la serietà dei nostri contenuti possa essere di interesse anche per le nuove generazioni, che si sono scocciate della superficialità e della banalità. Per noi è l’alba di un giorno nuovo. Un nuovo giorno per il rilancio di questo gruppo che gode della fiducia dei vescovi, della libertà che ci offrono, e vuole accompagnare la Chiesa, in questa fase legata al Sinodo in cui è ancora di più è chiamata a uscire dalle sagrestie e accompagnare gli uomini di questo tempo con uno spirito di curiosità. (Filippo Passantino)

20 settembre 2022