“Con quale strumento posso realizzare il sito della mia parrocchia?”. Risponde a questa domanda il diciassettesimo #tutorialweca diffuso nelle pagine YouTube e Facebook di Weca ma anche sul sito internet dell’associazione dei Webmaster Cattolici. Continuano così gli appuntamenti formativi curati dall’associazione, in sinergia con l’Ufficio nazionale per le Comunicazioni sociali e con il Centro di ricerca sull’educazione ai media all’informazione e alla tecnologia (Cremit) dell’Università Cattolica di Milano. In video, come di consueto, il giornalista di Tv2000 Fabio Bolzetta.

Il tutorial proposto questa settimana si sofferma sul content management system (Cms), cioè il sistema di gestione dei contenuti. Si tratta di «uno strumento software, installato su un server web, che facilita la gestione dei contenuti di siti web». Due le motivazioni che spingono a utilizzare un Cms: «Rende più semplice la gestione del sito web» e permette di farlo «senza avere competenze tecniche da programmatori». Sono quattro, invece, gli strumenti che «ci permettono di avere un sito dotato di Cms in pochi e semplici passaggi»: Wix, WordPress, Joomla e Pweb. In particolare, quest’ultimo è «un’iniziativa pensata dal servizio informatico della Cei». Si tratta di «una piattaforma online per la creazione e gestione dei siti parrocchiali italiani e consente ad ogni parrocchia di gestire il proprio sito web, in autonomia e con assoluta semplicità».

27 marzo 2019