Scalinata di Trinità dei Monti, al via il restauro firmato Bulgari

L’intervento durerà fino alla primavera del 2016. Durante il Giubileo, dal 7 dicembre sarà resa accessibile attraverso una rampa nelle ore diurne

L’intervento durerà fino alla primavera del 2016. Durante il Giubileo, dal 7 dicembre sarà resa accessibile attraverso una rampa nelle ore diurne

Un restyling completo di una delle scalinate più famose del mondo, quella di Trinità dei Monti, in piazza di Spagna, sponsorizzato da una delle griffe più prestigiose: Bulgari. I lavori sono partiti il 7 ottobre; a tagliare il nastro del cantiere il sindaco di Roma Ignazio Marino, l’assessore a Cultura e sport Giovanna Marinelli e il Sovrintendente capitolino Claudio Parisi Presicce. L’ultimo restauro risale agli anni 90. Per consentire l’intervento, la scalinata rimarrà chiusa fino alla primavera del 2016, anche se durante il Giubileo, a partire dal 7 dicembre, sarà resa accessibile nelle ore diurne attraverso una rampa, per consentire la vista sulla Barcaccia e su via Condotti.

«La manutenzione di questo particolare luogo della nostra città viene garantita con grande attenzione – ha spiegato il sindaco -: ogni mattina le squadre dell’Ama puliscono con getti d’acqua questa scalinata ma è evidente che siccome supporta il peso di milioni di turisti ogni anno l’allineamento del travertino, del marmo e di tutte le altre componenti debba ogni certo numero di anni avere un restauro. Questo è il primo dopo vent’anni e ne siamo molto orgogliosi».

Molti gli interventi effettuati negli anni lungo i 144 storici gradini: all’ordine del giorno rimozione di scritte vandaliche, disinfezione per asportare patine biologiche e vegetazione infestante e localizzati tassellamenti. Ora le operazioni di restauro saranno finalizzate non solo alla pulitura, consolidamento e protezione di tutte le superfici lapidee ma anche a garantire la sicurezza di chi percorre la scalinata, con il recupero funzionale delle gradinate. «Oltre ai questi lavori – ha sottolineato Claudio Parisi Presicce -, come nel precedente intervento del 1995, sarà effettuata la completa revisione delle gradinate, con il riallestimento delle lastre dei gradini in fase di “scivolamento”, la tassellatura delle parti più usurate, oltre alla verifica della pavimentazione dei terrazzamenti e al sistema di deflusso delle acque». A completamento dell’intervento verrà effettuata anche la revisione dell’impianto di illuminazione, con il restauro dei lampioni storici.

Soddisfatto anche l’amministratore delegato di Bulgari Jean-Christophe Babin che sponsorizza il restyling. «Per Bulgari – spiega Babin – quello di Trinità dei Monti è un progetto di mecenatismo importantissimo dal punto di vista storico e simbolico. Il fondatore Sotirio Boulgaris, che nei primi anni del secolo aveva già aperto tre negozi, due in via Condotti, ai piedi della scalinata e uno in cima, in via Sistina, percorreva in su e in giù quei gradini più volte al giorno».

8 ottobre 2015