Unioncamere: il premier Draghi «prosegua nel suo incarico»

L’appello a nome del sistema delle Camere di commercio: «I prossimi mesi, fondamentali per portare a termine le riforme chieste dall’Europa per l’erogazione dei fondi del Pnrr, in un percorso sul quale non possiamo perdere tempo»

Unioncamere si unisce al coro di quanti da più parti, in questi giorni, reclamano la «stabilità dell’azione di governo»; a renderla necessaria, rilevano dall’organizzazione, sono «l’attuale delicato contesto sociale, economico e geopolitico e l’imminente apertura della sessione di bilancio». E ancora: «L’inflazione crescente che erode il potere d’acquisto delle famiglie e i margini aziendali, la crisi energetica, la guerra, sono fattori che contribuiscono a rendere particolarmente complessa la situazione delle imprese – scrivono in una nota -. Questa situazione richiede che il governo prosegua il suo lavoro di rilancio del Paese e di guida nelle riforme necessarie anche per far fronte alle molte emergenze che questa fase storica comporta».

Proprio per questo, a nome del sistema delle Camere di commercio, Unioncamere «esprime il suo auspicio affinché il presidente Mario Draghi prosegua nel suo alto incarico. I prossimi mesi – è la conclusione della nota – saranno fondamentali per portare a termine le riforme che l’Europa ha posto come premessa all’erogazione del 220 miliardi del Pnrr in un percorso sul quale non possiamo perdere tempo».

19 luglio 2022