Al via un centro d’ascolto per malati oncologici e famiglie

L’iniziativa di Fondazione Ghirotti onlus e Centro diocesano per la pastorale familiare. Il servizio, gratuito, rivolto anche agli anziani in condizione di fragilità. Rispondono direttamente gli psicologi

Con il caldo e durante il periodo di vacanza aumenta la solitudine di tanti nuclei familiari con malati oncologici e degli anziani che sono costretti a restare in città. Anche per questo, la Fondazione Ghirotti onlus e il Centro diocesano per la pastorale familiare hanno attivato un centro d’ascolto tramite servizio telefonico gratuito – numero 06.8416464 – che offre supporto psicologico alle persone malate di tumore, ai loro famigliari e agli anziani in condizioni di fragilità socio sanitaria. Gli psicologi del Centro offrono sostegno e orientamento, sia durante il decorso della malattia sia nei momenti di crisi.

Nel tempo è stato costruito e consolidato attraverso un continuo confronto, «un metodo di lavoro specifico e innovativo – si legge in una nota della Fondazione Ghirotti -, con straordinari riscontri da parte dei pazienti». Il servizio è attivo dalle 9 alle 16. Chiamando, sarà possibile richiedere un intervento di sostegno rivolto a particolari momenti critici oppure intraprendere percorsi più duraturi nel tempo, con un rapporto continuativo e umano tra paziente e psicologo. «Nel caso in cui più membri della stessa famiglia – è scritto ancora nella nota – richiedano un percorso di sostegno, è assicurato ad ognuno un rapporto individuale con un differente psicologo. Ciò garantisce ai singoli la tutela di uno spazio personale e riservato».

Il Centro è aperto tutti i giorni dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 16. Rispondono direttamente gli psicologi, non bisogna passare da centralini o risponditori automatici. Se la persona che chiama lo vorrà, infine, potrà essere sostenuta costantemente nel corso del tempo.

La Fondazione nazionale Gigi Ghirotti da oltre 40 anni opera per il sollievo dei malati oncologici e per una medicina dal volto umano. Ogni anno organizza la Giornata nazionale del sollievo, ha lanciato un Osservatorio permanente per l’applicazione della legge 38 sulla terapia del dolore. Secondo i dati del Registro Tumori, aggiornati al 2017, nel Lazio si scoprono circa cento casi al giorno di nuovi tumori, 37.309 l’anno. Tra il 2010-2015 si sono verificati 19.238 casi negli uomini e 18.071 nelle donne. A livello nazionale, circa mille persone ogni giorno ricevono una nuova diagnosi di tumore maligno-infiltrante, come se nel giro di un anno una città come Firenze scoprisse di esser affetta da un cancro. Il Registro copre una popolazione pari a 5.792.384 residenti (di cui 48,5% residenti a Roma).

27 luglio 2018