L’omaggio di Roma a Gigi Proietti

La foto dell'artista scomparso all'alba dei suoi 80 anni proiettata sulla facciata del Campidoglio e del Colosseo. L'applauso dei romani dalle finestre e dai balconi. Il 5 novembre, giorno dei funerali, lutto cittadino

Il sorriso caldo e un po’ sornione proiettato sulla facciata del Campidoglio, proprio alle spalle del Marco Aurelio a cavallo, e su un altro dei simboli della Capitale: il Colosseo. Roma ha voluto ricordare così ieri era, 2 novembre, Gigi Proietti, nel giorno della scomparsa, all’alba dei suoi 80 anni. «Oggi – ha detto il sindaco Virginia Raggi – il nostro cuore è colmo di dolore e di tristezza. Gli italiani e i romani hanno perso una parte della loro anima. Un grande artista che ha raccontato il nostro Paese con ironia e intelligenza. Il suo sorriso era sempre coinvolgente: era impossibile sottrarsi alla sua genialità».

Foto di Gigi Proietti proiettata sul Campidoglio, 2 novembre 2020

Alle 19 dunque la foto è stata proiettata sulla facciata del Palazzo Senatorio, grazie alla collaborazione di Acea. «Ci uniamo – ancora le parole della prima cittadina – a tutti coloro che alla stessa ora si affacceranno dalle finestre e dai balconi per salutare insieme il Maestro». I funerali si svolgeranno giovedì 5 novembre nella Chiesa degli artisti, a piazza del Popolo. A Roma, ha dichiarato ancora Raggi, sarà lutto cittadino.

Foto di Gigi Proietti proiettata sul Campidoglio, 2 novembre 2020

Intanto anche la Fondazione Musica per Roma si è unita al lutto per la perdita dell’artista, «mattatore assoluto del teatro italiano, attore colto e popolare, amatissimo dal pubblico di ogni generazione, simbolo della romanità nel mondo. Le sue performance – si legge in una nota – hanno incantato per anni il pubblico dell’Auditorium col quale aveva deciso di festeggiare ogni 31 dicembre dal 2015». Con il suo “Cavalli di Battaglia”, rinnovato più volte nel corso degli anni, è salito sul palco della Sala Santa Cecilia e su quello della Cavea 37 volte, ricordano ancora dalla Fondazione, «regalando la sua irresistibile ironia a 100mila spettatori. A lui gli occhi. A noi i tanti ricordi di un grandissimo attore innamorato del “suo” Auditorium Parco della Musica, della sua Roma che oggi lo piange».

Foto di Gigi Proietti proiettata sul Colosseo, 2 novembre 2020

3 novembre 2020