Un trionfo di musica per il Natale romano

Si parte il 22 dicembre con la Schola Romana Ensemble nella Cripta dei Cappuccini di via Veneto. Al Parco della Musica il Roma Gospel Festival. Pappano dirige Mozart, Händel e Bizet

Performance natalizie nella Capitale per il finesettimana più atteso dell’anno: il 22 dicembre (replica il 27 alle ore 17.30), la Schola Romana Ensemble eseguirà uno speciale concerto barocco presso la Chiesa di Santa Maria Immacolata, in via Veneto, all’interno della suggestiva Cripta dei Cappuccini, le cui vicende saranno raccontate nel corso di una visita guidata. Sempre il 22, il capolavoro di Vivaldi – “Le Quattro Stagioni” – arrangiato per quintetto per pianoforte sarà il protagonista della Sala da Concerto dell’Oratorio, nella centralissima piazza di Pietra. Il 22 e il 29 dicembre sarà la volta di “Opera Experience”: le opere più famose (Tosca, Il barbiere di Siviglia, La Bohème, ecc.) riproposte in versione ridotta nella cornice dello Stadio di Domiziano. Un viaggio nel tempo, alla scoperta di Caravaggio e della sua epoca sarà possibile con l’itinerario “Suoni e visioni” (23 e 30 dicembre, 11 gennaio 2018): una visita guidata nei vari ambienti del Palazzo Doria Pamphilj e un’esecuzione dal vivo con gli stessi strumenti musicali utilizzati al tempo di Caravaggio e presenti in molte tele dello stesso artista. “Un Organo per Roma”, il festival diretto da Giorgio Carnini, prevede un concerto straordinario gratuito (22 dicembre) nella Basilica dei Santi Cosma e Damiano, grazie alla collaborazione della IUC-Istituzione Universitaria dei Concerti, dell’Accademia Filarmonica Romana, del Conservatorio Santa Cecilia e della Camerata Italica. In programma musiche di Palestrina e Bach.

A ragione di un improvviso impedimento, il tenore Jonas Kaufmann non potrà tenere invece il concerto all’Auditorium di via de Coubertin. Ecco allora che il Maestro Pappano, l’Orchestra e il Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia offriranno, come omaggio, un concerto gratuito alla città che si terrà venerdì 22 dicembre alle ore 20.30 (i biglietti potranno essere ritirati la sera stessa del concerto). In scaletta, la “Sinfonia Haffner” di Mozart, alcuni brani tratti dal “Messiah” di Händel e, sempre dello stesso compositore, il celebre “Halleluja” che conclude la seconda parte. E poi ancora Strauss e il trascinante finale della “Carmen” di Bizet. Anche quest’anno il 26 dicembre, nella Basilica di Santa Maria in Ara Coeli (ore 11), ci sarà il “Concerto di Santo Stefano” diretto da Luigi Cinque, autore del progetto sonoro “Hypertext Improvvisation O’rchestra”. Argomento di questa nuova edizione sarà “arcaico e futuro insieme, per una poetica che descriva altri mondi possibili”: «Una cantata colta e popolare – spiegano gli organizzatori – che vedrà innanzitutto una architettura sonora della Chiesa, ovvero un’ambientazione in quadrifonia di tutto lo spazio che in questo modo viene trasformato in una Piazza Sacra, come quando, un tempo, la Chiesa non era altro che il volto sacro della Piazza Popolare».

Tornano anche gli appuntamenti natalizi per eccellenza del Parco della Musica. Primo fra tutti, il Roma Gospel Festival, con il concerto del 25 dicembre animato dal Benedict Gospel Choir from South Carolina, creato e diretto dal reverendo Darryl Izzard, tra i maggiori esponenti del gospel negli Usa. E poi la consueta serata dell’ultimo dell’anno: sul palco salirà l’Harlem Gospel Choir, uno dei più longevi cori gospel d’America, che gira il mondo raccogliendo fondi da devolvere in opere di bene. Il concerto di Capodanno è affidato al maestro Gabriele Ciampi, recentemente invitato a rappresentare l’Italia in giuria ai Grammy Awards 2018. Puntuale anche il ritorno della “ChiaraStella” dell’Orchestra Popolare Italiana, con la partecipazione, il 6 e 7 gennaio 2018, di Peppe Servillo: un progetto di Ambrogio Sparagna, dedicato ai canti natalizi della tradizione italiana. Il nuovo anno inizia ricordando i bambini (ma non solo) che, dal 4 al 7 gennaio, potranno assistere all’esecuzione dal vivo della musica di “Fantasy”, il celebre lungometraggio della Disney. A dirigere l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia sarà il maestro Carlo Rizzari.

 

22 dicembre 2017