L'informazione della Diocesi di Roma

Scoprire l’arte con “Rome by night”

Proposta notturna dell’Ufficio catechistico, tra fede e cultura, in tre chiese del centro: Sant’Agostino, Santa Maria della Pace e Santa Cecilia

Proposta notturna dell’Ufficio catechistico, tra fede e cultura, in tre chiese del centro storico: Sant’Agostino, Santa Maria della Pace e Santa Cecilia

Un viaggio nella storia di Roma, avvolti dal fascino della notte, per riscoprirne le bellezze attraverso l’arte, la cultura e la fede. Questo l’obiettivo della prima edizione di “Rome by night. Quanto sei bella Roma quanno è sera”, un ciclo di tre incontri, in altrettanti venerdì, organizzati dall’Ufficio catechistico diocesano, dedicati a romani e turisti.

Venerdì 12 maggio il primo appuntamento nella chiesa di Sant’Agostino in Campo Marzio (piazza Sant’Agostino), dove si potrà ammirare la bellissima “Madonna dei pellegrini”, un dipinto a olio su tela di Caravaggio realizzato tra il 1604 e il 1606, custodito nella Cappella Cavalletti. Secondo appuntamento il 19 maggio a Santa Maria della Pace (via della Pace, nei pressi di piazza Navona), la cui facciata fu realizzata, nel 1657, da Pietro da Cortona, per commentare l’affresco di Raffaello Sanzio “Sibille e angeli”, databile presumibilmente al 1514. Venerdì 26 maggio il terzo e ultimo appuntamento nella basilica di Santa Cecilia in Trastevere (piazza omonima) per apprezzarne gli antichi mosaici di inestimabile valore.

L’ingresso è gratuito (per informazioni: tel. lo 06.69886301, ore 8.30-13.30, www.gliscritti.it e www.ucroma.it). Ogni incontro durerà circa quarantacinque minuti, quello in lingua italiana inizierà alle 20.30 e sarà tenuto da monsignor Andrea Lonardo, direttore dell’Ufficio catechistico diocesano; quello in lingua inglese, affidato a una guida madrelingua, inizierà alle 21.15. Per questa prima edizione sono state scelte queste tre chiese perché ubicate in luoghi nevralgici della “movida” romana. «È nostro scopo – afferma don Andrea – andare incontro alle esigenze di tutti, in particolare di chi, per vari motivi, durante la giornata non può ammirare questi capolavori come Santa Maria della Pace, un gioiello del barocco romano, o Santa Cecilia a Trastevere, una meraviglia del Medioevo con il suo mosaico alto medioevale».

L’iniziativa è stata accolta con gioia dai parroci e dai rettori delle chiese che hanno accettato di prolungarne l’orario di apertura «proprio per dare un segno di straordinarietà. «”Rome by night” nasce con il preciso intento di affermare che la Chiesa di Roma accoglie sempre tutti, anche quando la sera passeggiano per il centro – prosegue il direttore dell’Ufficio catechistico -. E vuole gratuitamente mostrare i tesori della nostra città facendo parlare direttamente le opere. Inoltre vogliamo offrire la possibilità di scoprire i luoghi in cui hanno vissuto i santi».

8 maggio 2017